Vitti na crozza




Autore: (Franco Li Causi)
Testo: Vitti Na Crozza

Vitti na crozza supra nu cannuni
fui curiuso e ci vosi spiari
idda m’arrispunniu cu gran duluri
muriri senza ‘n tocco di campani
la la la lero
la lero la lero
la lero la lero
la lero la la
si nni eru si nni eru li me anni
si nni eru si nni eru ‘n sacciu unni
ora ca sugnu vecchio di ottantanni
chiamu la morti i idda m’ arrispunni
la la la lero
la lero la lero
la lero la lero
la lero la la
cunzatimi cunzatimi lu me letto
ca di li vermi sugnu manciatu tuttu
si nun lu scuntu cca lu me peccatu
lu scuntu allautra vita a chiantu ruttu
la la la lero
la lero la lero
la lero la lero
la lero la la
c’e’ nu giardinu ammezu di lu mari
tuttu ntssutu di aranci e ciuri
tutti l’acceddi cci vannu a cantari
puru i sireni cci fannu l’amuri
la la la lero
la lero la lero
la lero la lero
la lero la la
la la la lero
la lero la lero
la lero la lero
la lero la la
la la la lero
la lero la lero
la lero la lero
la lero la la.



Su un testo popolare di autore e data di compilazione anonimi, Franco Li Causi compose un testo musicale per adattare il testo a melodia che facesse parte della colonna sonora – in qualità di brano d’apertura – al film Il cammino della speranza del regista Pietro Germi. La versione di Li Causi era un canto di lavoro, dai toni lenti e cupi, aderenti alla cadenza poetica del testo. Lo stesso testo pervenne al Li Causi in recitato da un anziano minatore di Favara, tale Giuseppe Cibardo Bisaccia. La prima incisione della canzone venne realizzata nel 1951 da Michelangelo Verso e pubblicata su 78 giri dalla Cetra. Negli anni 1970 si adattò il canto a toni più spensierati, nel solco del clima dei gruppi folkloristici, e adattato a ballata popolare. Nel 1979 la SIAE ha attribuito a Franco Li Causi i diritti di paternità del brano (Fonte: Wikipedia.it)




Lascia un commento

Translate »