Bummulu (o Quartara)


U’ BUMMULU è un vaso di terracotta con i manici, simile ad una anfora o ad una piccola giara, utilizzato per contenere vino ed acqua; infatti essendo fatto in terracotta (creta e sale), questa lascia traspirare il liquido il quale evaporando lentamente sottrae calore al contenuto mantenendolo allo stesso tempo fresco. Comunque questi vasi oggi sono principalmente decorativi e vuoti vengono usati anche come strumento musicale, soffiando all’interno si produce un rimbombo sonoro.

 

“U Bummulu” nella tradizione folk locale, giovani ballerini del gruppo “Fiori del Mandorlo” di Agrigento

L’utilizzo del “Bummulu” si basa su un comportamento noto dei liquidi che passano allo stato gassoso (evaporazione) mediante assorbimento di calore.

Il materiale con cui è costruito il “Bummulu” è permeabile e lascia traspirare continuamente una certa quantità d’acqua che, a contatto con l’aria calda dell’ambiente, si trasforma in vapore. L’assorbimento di calore che ne consegue avviene vicino alla superficie del contenitore che subisce quindi un abbassamento della temperatura sufficiente a mantenere il liquido sempre fresco, addirittura anche se esposto al sole.

Ha origini molto antiche. Ne sono stati rinvenuti esemplari risalenti al XII secolo.

L’esterno della quartara è spesso tipicamente decorato, ma quelle per l’uso giornaliero venivano lasciate senza decorazione.

“U Bummulu” nella tradizione folk locale, esibizione di Nino Casesa del gruppo “Val d’Akragas” di Agrigento – Foto tratta dal web

Un uso particolare delle quartare era quello per cui, in occasioni di feste popolari, venivano usate come strumento musicale: Come strumento da suono, ovviamente, viene usato vuoto, per riprodurre, con il rimbombo, il suono cupo di un’immissione di fiato, usato ancora oggi come accompagnamento musicale nelle musiche popolari e folcloristiche

È uno strumento da suono improprio, aerofono. Il “Bummulu”, chiamato anche “quartara” nasce in Sicilia per trasportare l’acqua.

Data la particolarità della forma e del materiale fatto di terracotta o argilla cotta nei forni ad alte temperature, fu adattata, forse anche casualmente, anche come strumento, infatti soffiando opportunamente dalla parte dell’imboccatura, con una specifica tecnica, come se fosse uno strumento a fiato, ne viene fuori un suono caratteristico.

 


Contributi video tratti dal web.

Festa dei fiori a Ventimiglia – “U bummulu sicilianu”

Gruppetto folk siciliano di Trabia!


Info e curiosità.

 

 


Fonti: wikipedia/Youtube/altro


Hai del materiale utile da pubblicare sull’argomento? Foto, video, articoli originali, pubblicazioni non soggette a diritti d’autore

Inviali alla redazione del sito ai fini della pubblicazione. Saremo lieti di inserire il materiale inviato se ritenuto conforme alle finalità del sito e ne citeremo la fonte. La collaborazione fornita e l’utilizzo del materiale inviato sono da intendersi a titolo esclusivamente gratuito e senza scopo di lucro.

Lascia un commento

Translate »