Archi di Pasqua di San Biagio Platani 2019


Archi di Pasqua 2019, San Biagio Platani (AG)

Anche quest’anno, da Domenica 21 Aprile a Domenica 02 giugno 2019, ritorna l’appuntamento con gli “Archi di Pasqua” di San Biagio Platani, paese a circa 40 km da Agrigento.

La Festa degli “Archi di Pasqua” è lo spettacolare e suggestivo esito di una competizione artistico-artigianale, unica nel suo genere in Sicilia. Per molte settimane, prima della Pasqua, le confraternite dei “Madunnara” (devoti alla Madonna) e dei “Signurara” (devoti a Gesù), sono impegnate nella costruzione di imponenti composizioni di canne e ferle; queste fanno da incastellatura a magnifici addobbi artistici di agrumi, alloro e soprattutto di pane, nelle più svariate forme e dimensioni.

Le grandiose costruzioni artistiche, di archi, cupole, e campanili vengono poi disposte lungo tutto il corso Umberto I, la via principale del paese: la straordinaria ricercatezza delle decorazioni, unita alla illuminazione serale trasformano San Biagio Platani nel più sontuoso ed accogliente salotto a cielo aperto.

Molto caratteristici sono le NIMPE,  “lampadari” di grandi e medie dimensioni realizzati artigianalmente, decorati con un intreccio di datteri, fiori e ramoscelli di vario genere. Le nimpe inizialmente erano ornate essenzialmente con datteri, nocciole, ganoturco e ceci, ma con il passare del tempo si è voluto dare un tocco d’innovazione aggiungendo anche vetro, stoffa, pasta colorata ed altri materiali facilmente reperibili.

Il Culmine della manifestazione si ha il giorno di Pasqua, quando il Cristo e la Madonna si incontrano davanti la chiesa Madre”.

Fonte: sito ufficiale: www.archidipane.com


Galleria fotografica:


Cerca il tuo alloggio in zona:
Booking.com


Foto e cartoline storiche:


Localizzazione dell’evento:

Info e contatti:

AgrigentoDoc consiglia:

Video tratti da youtube:

S. Biagio Platani: Gli Archi di Pasqua 2010


Cenni storici (fonte: www.archidipasqua.com)

La festa degli Archi di Pasqua di San Biagio Platani ebbe inizio nella seconda metà del seicento quando le due confraternite, rispettivamente “Madunnara” con sede nella Chiesa Madre e “Signurara” con sede nella Chiesa del Carmine nei pressi del Calvario, si premurarono di delimitare artisticamente lo spazio sacro dove il giorno di Pasqua avviene l’incontro del Cristo Risorto con la Madonna sua Madre. A cominciare dal termine “Archi di Pasqua” s’intuisce subito qual è la struttura. L’apparato scenico dell’evento si rifà all’arco trionfale che nell’architettura basilicale rappresentava il limite, la soglia di passaggio dalla navata centrale al transetto dova si svolge il rito sacro. Gli archi trionfali di San Biagio Platani segnano lo spazio sacro dove si svolge il rito del trionfo della vita sulla morte, la vittoria del Cristo, la rivelazione del “Mistero” nella risurrezione. Questo cerimoniale si svolge in un preciso momento dell’anno, quando la natura, con un’esplosione di profumi e colori, nella Valle dei Sicani celebra il risveglio della primavera. Non è un caso che la struttura degli Archi centrali prende forma in una fusione di materiali vegetali, prodotti della natura, un’architettura di frutti, di essenze, di odori e quello che il popolo contadino può offrire a Cristo vittorioso. Il pane, frutto del duro lavoro dei campi è l’elemento decorativo essenziale dell’architettura della festa, in essa assume un simbolismo connotativo dei ritmi della vita di un popolo. Un popolo che ha dato origini ad una manifestazione unica, ricca di devozione, di cultura, di arte. La centralità religiosa della festa porta attraverso l’esuberanza e la vitalità dell’immaginario collettivo alle forme più sorprendenti di arte: Architettura – pittura – scultura – spettacolo – suoni – gesti – arte – musica ed altri linguaggi espressivi, attraverso la tradizione perpetuata dalle due confraternite divengono espressione culturale di un territorio. Il percorso nasce dalla manipolazione sapiente e creativa dei materiali naturali ad opera dei Signurara e Madunnara dà vita a splendidi ed enormi manufatti architettonici, ad un’architettura vegetale ricca di elementi decorativi ed estetici che connotano la natura devozionale dell’evento, canne, salice, ramoscelli di ulivo, rosmarino, alloro, arance, si trasformano in cattedrali, in colonnati. Pane, uova, zucchero, sale sono alle origini di gran parte delle decorazioni che tramandano simbolismi che costruiscono l’evento: mandorle, spighe, granoturco, datteri, fiori e legumi costituiscono i materiali che mani sapienti e virtuose trasformano in “nimpe” e mosaici che accompagnano il gioioso accadere della festa. Tutto questo ad opera di un popolo creativo e generoso che ha fatto del proprio sito un eccezionale luogo di arte.


Hai del materiale utile da pubblicare sull’argomento? Foto, video, articoli originali, pubblicazioni non soggette a diritti d’autore

Inviali alla redazione del sito ai fini della pubblicazione. Saremo lieti di inserire il materiale inviato se ritenuto conforme alle finalità del sito e ne citeremo la fonte. La collaborazione fornita e l’utilizzo del materiale inviato sono da intendersi a titolo esclusivamente gratuito e senza scopo di lucro.

Lascia un commento

Translate »