“Il Pissaro ritrovato” – Museo A. Pepoli di Trapani

Museo A.Pepoli – Polo Regionale di Trapani e Marsala per i Siti Culturali, mostra d’arte “IL PISSARRO RITROVATO”


Visitabile fino al 20 febbraio 2019: dal martedì al sabato dalle 9.00 alle 17.00, domenica dalle 9.00 alle 12.00

Museo A.Pepoli, Via Conte Agostino Pepoli,180 – 91100 Trapani TP

Ingresso: Biglietto intero  € 6,00 – Biglietto ridotto € 3.00 (Previste riduzioni per gruppi, giovani, scuole ecc.) – Per info contattare gli organizzatori
Info e contatti:tel. 0923 553 269 – fax 0923 535 444 – e-mail polomuseale.tp@regione.sicilia.it
 Approda al Museo Regionale “Agostino Pepoli” di Trapani “La Negresse”, opera giovanile attribuita a Camille Pissarro, uno dei grandi maestri dell’Impressionismo francese. Il dipinto, un olio su cartoncino, raffigura en plein air tre nudi femminili, in realtà un unico soggetto ripreso da tre diversi punti di vista, entro un paesaggio naturale fortemente carico di suggestioni luministiche. L’opera, appartenente ad un collezionista privato palermitano e acquistata pochi anni fa sul mercato antiquario parmense, è ritenuta lavoro giovanile del grande maestro francese, nato nel 1830 a Saint Thomas, nelle Antille americane, e formatosi a Parigi; l’artista all’epoca poco più che ventenne, vi immortalò Julie Vellay, giovane e bella domestica di famiglia, che sarebbe poi divenuta la sua compagna di vita. I tre nudi femminili, immersi nella tersa luminosità del paesaggio e dotati di una sensualità quasi primitiva, acquistano straordinaria evidenza plastica mediante pennellate di colore rapide, sicure e corpose, fortemente intrise di luce. Ad attestare la paternità del dipinto un’iscrizione posta sul retro del supporto, a firma di Paulémile Pissarro, figlio dell’artista: “La Negresse vers 1850 par Camille Pissarro”. Ma a ricondurre l’opera al maestro sono anche le indagini diagnostiche condotte, che hanno accertato l’impiego di pigmenti cromatici compatibili con quelli in uso nel periodo di attività dell’artista. Il dipinto, già reso noto al grande pubblico nel 2014 presso la Galleria d’arte Moderna di Palermo, verrà presentato al Museo “Agostino Pepoli” di Trapani venerdì 14 dicembre alle ore 17,30 dal Direttore del Polo Museale Luigi Biondo, dal giornalista e scrittore Vincenzo Prestigiacomo e dal restauratore Franco Fazzio, per poi rimanere in mostra nella medesima sede sino al 20 febbraio 2019.

Info e curiosità:

Il Museo Regionale “Agostino Pepoli” ha sede nei locali dell’ex convento dei Padri Carmelitani, attiguo al santuario di Maria SS. Annunziata, dove si venera il celebre simulacro marmoreo della Madonna di Trapani, opera del 1360 circa, attribuita a Nino Pisano. Il Museo comprende:
• dipinti, con ampia rappresentazione della cultura artistica in Sicilia occidentale tra XIII e XIX secolo;
• sculture, tra cui quelle di scuola gaginesca, che tanto ha influenzato la statuaria in Sicilia;
• presepi dell’artigianato trapanese, caratterizzati dalla manifattura in Legno, Tela e Colla;
• oreficeria, con gioielli appartenenti al tesoro della Madonna di Trapani, argenti della tradizione trapanese e soprattutto alcune pregevolissime opere in corallo, materiale che aveva in Trapani un importante centro di produzione e lavorazione, tanto da diventare una peculiarità dell’artigianato del luogo;
• paramenti sacri, acquisiti con le Leggi eversive del 1867 al patrimonio dello Stato, nonché abiti d’epoca appartenuti alla nobiltà trapanese;
• maioliche, fra cui risaltano le pavimentazioni raffiguranti la pesca del tonno, importantissima attività produttiva della zona;
• cimeli del Risorgimento, testimonianza della partecipazione della provincia all’Unità d’Italia.


Prenota la tua vacanza in Sicilia per visitare le bellezze naturali e culturali dell’isola:
Booking.com


L’artista

 

 

 

 

 

 


Fonte: Museo A.Pepoli


Localizzazione della mostra:


Vuoi segnalare un evento sul nostro sito: contattaci all’indirizzo mail info@agrigentodoc.it oppure e/o compila ed invia il modulo contatti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »