00061 Christian Wilberg – Agrigento with Juno temple

Artista
Christian Wilberg (1839–1882)

Titolo
Agrigento with Juno temple
Oil on canvas – 113 × 189.2 cm

Ubicazione
Collezione privata

Prenota la tua vacanza in Sicilia per visitare le bellezze naturali e culturali dell’isola:
Booking.com


Info e Curiosità

L’artista: 

Christian Wilberg (20 novembre 1839 a Havelberg – 3 giugno 1882 a Parigi ) è stato un pittore tedesco. Wilberg è nato nel 1839 a Havelberg nella Marca di Brandeburgo (al giorno d’oggi Sassonia-Anhalt ) dove ha vissuto fino al 1861. Era in origine un pittore casa prima di trasferirsi a Berlino, dove ha studiato pittura presso Eduard Pape s’ atelier . Dopo 18 mesi, Pape suggerì a Wilberg di studiare ulteriormente con Paul Gropius , dove acquisì una buona conoscenza della prospettiva e dell’architettura . Dopo aver terminato il suo apprendistato sotto la supervisione di Oswald Achenbach a Düsseldorf nel 1870, Wilberg viaggiò attraverso la Germania settentrionale e trascorse due anni a Venezia. Anche dopo il ritorno a Berlino, Wilberg continuò a visitare l’Italia come il suo campo d’arte preferito era l’architettura italiana . Tra le sue opere più importanti in questo campo ci sono i suoi dipinti della Basilica di San Marco a Venezia e la Cappella Palatina a Palermo .

Nel 1880, Wilberg dipinse un panorama del Golfo di Napoli per la mostra sulla pesca di Berlino, che gli valse il riconoscimento tra gli addetti ai lavori. Nell’anno precedente fece un viaggio a Pergamo con il direttore della Collezione di antichità classiche di Berlino . Fu qui che Wilberg realizzò una serie di schizzi dell’Acropoli che utilizzò in seguito per i dipinti. Ha acquisito una grande conoscenza dell’architettura antica e ha usato questo per concepire ricostruzioni di edifici romani – uno dei quali è stato successivamente appeso nel famoso Café Bauer di Berlino .

L’ultimo grande progetto di Wilberg fu un grande panorama delle Terme di Caracalla che creò per la mostra di Hygiene di Berlino del 1882. Quest’ultima grande opera fu incenerita quando la sala delle esposizioni prese fuoco e Wilberg ebbe solo il tempo di salvare alcuni dipinti e disegni. Dopo l’incendio, Wilberg si recò in Francia in compagnia di Werner Ludwig Pietsch per dipingere a Sedan ; durante il suo viaggio si è ammalato mentre era in visita a Parigi . È morto lì poco dopo. Nell’ottobre e nel novembre 1882 nella Galleria Nazionale di Berlino si tenne una mostra speciale comprendente oltre 677 opere di Wilberg . Alcuni dei dipinti di questa mostra, Villa Mondagronee un certo numero di schizzi a olio in disegni a matita e acquerelli , furono trasferiti alla proprietà della National Gallery. Nel 1883, la Galleria delle immagini dei vecchi maestri di Dresda fu presentata con Memento Mori , uno dei motivi di Wilberg dei Monti Sabini in Italia.

Fonte: pagina ufficiale dell’artista / wikipedia

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »