I^ Biennale di Sicilia 2019/2020 – Palazzo Jung di Palermo



Palazzo Jung, Via Lincoln, 71, 90123 Palermo PA: mostra “I^ Biennale di Sicilia 2019 – 2020 – Arti figurative ed astratte contemporanee”,  presso il Salone Espositivo “Paolo Borsellino

Visitabile dal 08 al 22 novembre 2019, dalle ore 9,00 alle 13 e dalle 16.00 alle 19.00

Ingresso:  gratuito

Una mostra a Palermo di Arti Figurative ed Astratte Contemporanee – Sezioni Pittura e Fotografia. Direttore Artistico Mauri Lucchese. Direzione Artistica Sezione Fotografia – Giovanni Artale.

Inaugurata giorno 8 novembre la biennale di Sicilia a Palazzo Jung, 8 novembre 2019 che vede la presenza di 61 artisti, tra pittori e fotografi, che esporranno, fino al 22 Novembre.

 

Il direttore artistico Mauri Lucchese, pittore, scrittore e storico della citta’ di Palermo la definisce così: “La Biennale di Sicilia, un’opportunita’ per tanti artisti siciliani di dimostrare la propria bravura in campo artistico perche’ la Sicilia, da sempre terra di grandi talenti, continui ad essere terreno fertile per la nostra storia e per la nostra cultura, e soltanto con questi straordinari eventi possiamo mettere in luce le qualita’ professionali dei nostri giovani artisti che sicuramente meritano un posto in prima fila. Da anni desideravo organizzare una grande manifestazione che portasse questa intestazione dedicata alla talentuosita’ dei nostri pittori che hanno tanto da annoverare e tanto da insegnare al mondo intero”

 


Info e contatti:

Palazzo Jung, Via Lincoln, 71, 90123 Palermo PA

Contatti: Biennale di Sicilia 2019 


Prenota la tua vacanza in Sicilia per visitare le bellezze naturali e culturali dell’isola:
Booking.com


L’artista

 

 

 

 


Info & curiosità:

l Palazzo Jung è uno storico palazzo di Palermo.

Il palazzo, faceva parte di quella cortina edilizia che, a partire dalle fine del ‘700, aveva occupato l’area di risulta dell’antico fossato della città e si era assiepata a ridosso dei bastioni e delle mura cittadine ormai in disuso. Il Palazzo risponde nello stile e nella visione architettonica dello spazio alle esigenze imprenditoriali della nuova classe capitalista, alla quale si doveva il risveglio del commercio e della finanza siciliana.
Realizzato alle fine del ‘700, in un’epoca di forte espansione della città, ebbe nei baroni di Verbumcaudo i suoi primi proprietari che lo fecero costruire come simbolo di un’acquistata nobiltà. L’edificio, residenza privata fino agli inizi del Novecento quando in una cartolina dell’epoca lo si ritrova sotto il nome di Pensione Tersenghi. Il palazzo viene acquistato nel 1921 dalla famiglia Jung – ebrei di origine svizzera giunti in città nel XIX secolo per impiantare un’impresa di esportazione di frutta secca, essenze, agrumi e sommacco – che ne fa la propria residenza; rimane proprietaria dell’immobile fino al 1958.
Acquistato nel 1959 dall’Ente Provinciale per il Turismo, il palazzo è destinato a sede dell’Istituto Professionale Alberghiero di Stato – subisce, per esigenze di istituto professionale, pesanti trasformazioni – fino alla metà degli anni Ottanta, quando l’Istituto si trasferisce, determinandone il totale abbandono fino al 2000 quando la Provincia avvia lavori di restauro. Al di là del prospetto a tre ordini, con un portale con balcone decorato da colonne in pietra, si apre la corte da cui si domina il suggestivo giardino, anche questo restituito dalla Provincia alla fruizione del pubblico. La struttura ha forti richiami neoclassici, come molti edifici contemporanei della città di Palermo, che si notano soprattutto sul frontone d’ingresso con colonne sottili e nello stile dei balconi. Il palazzo si affaccia sulla via Lincoln, e si trova quasi di fronte all’Orto Botanico.


Localizzazione della mostra:


Vuoi segnalare un evento sul nostro sito: contattaci all’indirizzo mail info@agrigentodoc.it oppure e/o compila ed invia il modulo contatti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »