San Gerlando Patrono di Agrigento

San Gerlando di Agrigento (Besançon, 1030 / 1040 – Agrigento, 25 febbraio 1100) è stato nominato vescovo di Agrigento nel 1088 ed è venerato come santo dalla Chiesa cattolica dal 1159. Patrono della città di Agrigento, è festeggiato il 25 febbraio. Da parte dei fedeli di Agrigento, ancora oggi, il suo nome viene invocato a difesa di calamità naturali. San Giullannu senza ddannu cioè “San Gerlando difendici dal danno o dai danni”, quali tempeste, fulmini e tuoni. In occasione della rovinosa frana del 19 e 20 luglio 1966, che inghiotti grande parte della città, il suo nome venne quotidianamente invocato. La frana non provocò alcuna vittima, fatto che i fedeli interpretarono come intervento del santo.

agdoc_san_gerlando_2Nativo di Besançon, appartenente alla popolazione celtica ‘allobroga’ e parente del gran conte di Sicilia Ruggero I degli Altavilla (†1101), fu uomo di grande carità, erudito nelle sacre discipline.
Nominato da Ruggero primicerio della ‘Schola cantorum’ della chiesa di Mileto (Catanzaro), dopo la riconquista di Agrigento (1086) dall’occupazione araba e il ristabilimento della gerarchia ecclesiastica nell’isola, fu nominato dallo stesso conte, vescovo della città nel 1088 (la bolla di conferma pontificia è del 1098), venendo consacrato a Roma dallo stesso papa Urbano II.
Nel suo viaggio di ritorno, passando per Bagnara in provincia di Reggio Calabria, predisse al priore del locale monastero Drogone che sarebbe stato suo successore. Ritornato ad Agrigento, Gerlando si adoperò alla riorganizzazione della diocesi, che dopo l’occupazione musulmana durata dall’829 al 1086, contava ben pochi cristiani e in sei anni edificò l’episcopio e la cattedrale che dedicò alla Madonna e a S. Giacomo; fortificò il castello di Agrigento, nome assunto dalla città nel 1927, ma che allora si chiamava Girgenti dal nome messo dagli arabi ‘Gergent’. Sappiamo inoltre che partecipò al convegno di Mazara del 1098 in cui il gran conte Ruggero I e i vescovi della Sicilia si accordarono per la ripartizione delle decime; a lui si dà il merito di aver battezzato e evidentemente convertito, il signore arabo Chamud, chiamato poi Ruggero Achmet. Gerlando dopo dodici anni di episcopato, morì il 25 febbraio 1100; le sue reliquie ebbero varie ricognizioni e traslazioni ad opera dei vescovi agrigentini nel 1159 e 1264. Il vescovo Giovanni Oroczo de Covarruvios, nel 1598, ordinò in onore del santo patrono della città, delle solenni feste, rimaste famose negli annali storici agrigentini, vi parteciparono fra l’altro ben 8640 confratelli di 29 confraternite, tutti in divisa propria, oltre a tutto il clero secolare e regolare della diocesi. L’ultima traslazione delle reliquie è del 1630,  poste in una magnifica unrna d’argento sbalzato, furono sistemate nella cappella della cattedrale dove sono tuttora. Una volta la festa della traslazione era celebrata con grande solennità e partecipazione di tutta la diocesi, oggi il culto esterno è alquanto ridotto.


Fonte: Youtube  – Pubblicato il 27 nov 2014 – Il video girato interamente con un drone in volo dentro la Cattedrale rientra nel progetto dell’Arcidiocesi di Agrigento riguardante le iniziative per salvare il Duomo.

Fonte: Youtube
L’Amico del popolo – Inizio del Corteo della rievocazione storica dell’arrivo di San Gerlando ad Agrigento. – 22 febbraio 2014 – Chiesa Purgatorio Agrigento
Link utili:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Eventi in Sicilia