Lettera del Diavolo custodita ad Agrigento

Lettera del diavolo – foto tratta dal web

La Lettera del Diavolo è una missiva scritta in caratteri incomprensibili ed era custodita nel Monastero di clausura di Palma di Montechiaro (Agrigento).  Quella in possesso del Monastero sarebbe una copia, mentre l’originale si trova esposta nella torre della Cattedrale di Agrigento. Era inserita in un manoscritto che racconta la vita della monaca protagonista dell’episodio.

Si narra che questa lettera fosse stata ricevuta da una monaca benedettina del convento, suor Maria Crocifissa della Concezione (Isabella Tomasi), per tentarla. La lettera era stata consegnata alla monaca dal Demonio in persona, che le chiese di firmarla. Suor Crocifissa, avendo compreso il contenuto della lettera, vi scrisse invece solo «ohimè».

Di questa lettera, sul cui significato gli studiosi si sono arrovellati a lungo invano, dal momento che la lingua usata non è nessuna di quelle conosciute -sebbene alcune parole sembrino greche e arabe- parla lo scrittore Giuseppe Tomasi di Lampedusa nel suo romanzo Il Gattopardo. Questi, essendo andato nel 1955 a visitare il monastero, ne fu a tal punto colpito da inserire nel romanzo l’episodio, celando la figura della sua antenata suor Crocifissa, che ne fu protagonista, nel personaggio della “beata Corbera”. Di questa vicenda si parla anche nel documentario La Sicilia del Gattopardo di Ugo Gregoretti, in cui viene anche mostrata la lettera.

 

 

suor maria crocifissa della concezione – Foto tratta dal web

Suor Maria Crocifissa (1645-1690) era sorella di san Giuseppe Tomasi, dell’ordine dei Teatini; fu dichiarata Venerabile da papa Pio VI, ed è sepolta nel monastero.

La Lettera del Diavolo ha ispirato un romanzo di Sergio Campailla.

Una leggenda popolare afferma che la traduzione della lettera è la seguente: mio figlio Calogero Iacona comanderà su tutti i paesi e su tutte le città ma ohimè sarà sempre da solo e si comporterà in modo signorile.

Fonte: wikipedia

 

 

 


Si riporta l’articolo del giornale Live Science visionabile nella versione originale al link: Satan’s Enigma: ‘Possessed’ Nun’s 17th-Century Letter Deciphered:

Articolo originale:

A mysterious letter written more than 300 years ago by a Sicilian nun who claimed to be possessed by Satan has finally been deciphered. Scientists used a deep-web code breaker to read the letter.

The message — indeed devilish — describes God, Jesus and the Holy Spirit as “dead weights,” the researcher said.

It was penned by Sister Maria Crocifissa della Concezione, a 31-year-old nun living at the convent of Palma di Montechiaro in Sicily. On Aug. 11, 1676, she was found on the floor of her cell, her face covered in ink, holding a note written in an incomprehensible mix of symbols and letters, according to historical records. Sister Maria apparently said the letter was written by the devil in an attempt to get her to turn away from God and toward evil, historical accounts suggest. [In Photos: ‘Demon Burials’ Discovered in Poland Cemetery]

The message, just 14 lines of jumbled, archaic letters, has for centuries defied every attempt at understanding its meaning.

Now, scientists at the Ludum science museum in Sicily have used an intelligence-grade code-breaking software to solve the mystery. They also looked at historical records of the nun and her life, to learn more about the woman.

“When working on historical decryption, you cannot ignore the psychological profile of the writer. We needed to know as much as possible about this nun,” Ludum Director Daniele Abate told Live Science.

Sister Maria Crocifissa della Concezione, born Isabella Tomasi (she was an ancestor of Italian writer Giuseppe Tomasi di Lampedusa), entered the Benedictine convent when she was only 15 years old, according to historical records.

“The letter appeared as if it was written in shorthand. We speculated that Sister Maria  created a new vocabulary using ancient alphabets that she may have known,” Abate said.

To find out for sure, the researches first tested the software they used with some standard shorthand symbols from different languages. They found that the nun’s letter contained a mix of words from ancient alphabets such as Greek, Latin, Runic and Arabic.

“We analyzed how the syllables and graphisms [or thoughts depicted as symbols] repeated in the letter in order to locate vowels, and we ended up with a refined decryption algorithm,” Abate said.

He said the team did not have great expectations for the outcome.

“We thought we could just come out with a few words making sense. But the nun had a good command of languages,” he said, adding “the message was more complete than expected.”

Rambling in nature and not entirely understandable, the letter, in addition to calling the Holy Trinity “dead weights,” goes on to say that “God thinks he can free mortals … The system works for no one … Perhaps now, Styx is certain.”

In Greek and Roman mythology, Styx is the river separating the netherworld from the world of the living.

Abete said the letter suggests that Sister Maria suffered from schizophrenia or bipolar disorder. “The image of the devil is often present in these disorders. We learned from historical records that every night she screamed and fought against the devil,” Abate said.

For the church of that time, the letter was instead considered the outcome of her struggle against “innumerable evil spirits,” according to a written account about the occurrence by Abbess Maria Serafica.

According to Serafica’s account of the nun’s behavior written shortly after the incident, the devil would have forced Sister Maria (who was later blessed) to sign the letter. She heroically opposed the demand by writing, “Ohimé” (oh me), which is the only comprehensible word in the letter, Serafica wrote.

The research has not been published in a peer-reviewed scientific journal.

Original article on Live Science

Traduzione dell’articolo:

Una misteriosa lettera scritta più di 300 anni fa da una suora siciliana che sosteneva di essere posseduta da Satana è stata finalmente decifrata. Gli scienziati hanno utilizzato un interruttore automatico di codice Web per leggere la lettera.

Il messaggio – davvero diabolico – descrive Dio, Gesù e lo Spirito Santo come “pesi morti”, ha detto il ricercatore.

Fu scritta da Suor Maria Crocifissa della Concezione, una monaca di 31 anni che viveva nel convento di Palma di Montechiaro in Sicilia. L’11 agosto 1676 fu trovata sul pavimento della sua cella, con la faccia coperta di inchiostro, con in mano un biglietto scritto in un miscuglio incomprensibile di simboli e lettere, secondo i documenti storici. A quanto pare, suor Maria ha detto che la lettera è stata scritta dal diavolo nel tentativo di farla allontanare da Dio e verso il male, secondo resoconti storici. [In foto: “Demon Burials” scoperto nel cimitero della Polonia]

Il messaggio, solo 14 righe di lettere confuse e arcaiche, ha sfidato per secoli ogni tentativo di comprenderne il significato.
Ora, gli scienziati del museo scientifico Ludum in Sicilia hanno utilizzato un software rompicapo di livello informale per risolvere il mistero. Hanno anche guardato i documenti storici della monaca e della sua vita, per saperne di più sulla donna.

“Quando si lavora sulla decifrazione storica, non si può ignorare il profilo psicologico dello scrittore: dovevamo sapere il più possibile su questa monaca”, ha detto il direttore Ludum, Daniele Abate, a Live Science.

Suor Maria Crocifissa della Concezione, nata Isabella Tomasi (era un’antenata dello scrittore italiano Giuseppe Tomasi di Lampedusa), entrò nel convento benedettino quando aveva solo 15 anni, secondo i documenti storici.

“La lettera appariva come se fosse stata scritta in una stenografia e speculammo che suor Maria avesse creato un nuovo vocabolario usando antichi alfabeti che lei avrebbe potuto conoscere”, ha detto Abate.

Per accertarsene, le ricerche hanno prima testato il software utilizzato con alcuni simboli stenografici standard di diverse lingue. Hanno scoperto che la lettera della suora conteneva un mix di parole di alfabeti antichi come greco, latino, runico e arabo.

“Abbiamo analizzato il modo in cui le sillabe e i grafismi [oi pensieri rappresentati come simboli] si sono ripetuti nella lettera al fine di individuare le vocali, e abbiamo finito con un algoritmo di decrittografia raffinato”, ha detto Abate.

Ha detto che la squadra non ha grandi aspettative per il risultato.

“Pensavamo di poter uscire con poche parole, ma la suora aveva una buona padronanza delle lingue”, ha detto, aggiungendo “il messaggio era più completo del previsto”.

Rambling in natura e non del tutto comprensibile, la lettera, oltre a chiamare “pesi morti” la Santa Trinità, continua dicendo che “Dio pensa di poter liberare i mortali … Il sistema funziona per nessuno … Forse ora, Lo Stige è sicuro. “

Nella mitologia greca e romana, Styx è il fiume che separa gli inferi dal mondo dei vivi.

Abete ha detto che la lettera suggerisce che suor Maria soffrisse di schizofrenia o disturbo bipolare. “L’immagine del diavolo è spesso presente in questi disordini, abbiamo imparato dai documenti storici che ogni notte ha urlato e combattuto contro il diavolo”, ha detto Abate.

Per la chiesa di quel tempo, la lettera era invece considerata l’esito della sua lotta contro “innumerevoli spiriti maligni”, secondo un resoconto scritto sull’occorrenza della badessa Maria Serafica.

Secondo il resoconto di Serafica del comportamento della monaca scritto poco dopo l’incidente, il diavolo avrebbe costretto suor Maria (che in seguito fu benedetta) a firmare la lettera. Si oppose eroicamente alla domanda scrivendo, “Ohimé” (oh me), che è l’unica parola comprensibile nella lettera, scriveva Serafica.

La ricerca non è stata pubblicata in una rivista scientifica peer-reviewed.

“testo tradotto con google”


Video tratti da youtube:


Hai del materiale utile da pubblicare sull’argomento? Foto, video, articoli originali, pubblicazioni non soggette a diritti d’autore

Inviali alla redazione del sito ai fini della pubblicazione. Saremo lieti di inserire il materiale inviato se ritenuto conforme alle finalità del sito e ne citeremo la fonte. La collaborazione fornita e l’utilizzo del materiale inviato sono da intendersi a titolo esclusivamente gratuito e senza scopo di lucro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Eventi in Sicilia