Abballati Abballati

Autore: (Franco Finestrella)
Testo: Abballati Abballati
Abballati,abballati
fimmini schetti e maritati
e si ‘nabballati boni
nun vi cantu e nun vi sonuSciu,sciu,sciu
quanti fimmini ca cci sù
sciu, sciu, sciu
quanti fimmini ca cci sùCci nè quattru ammaccateddi,
ni facemu che puseddi,
cci nè quattru scafazzati
ni facemu che patati.Sciu,sciu,sciu
quanti fimmini ca cci sù,
sciu,sciu,sciu
quanti fimmini ca cci sù.

versione cantata da Anita Vitale – Abballati – Made in Sicily.

versione cantata dal Coro folklorisitico siciliano.

 

La canzone è una tarantella presente in tutto il Meridione, la si riscontra infatti in Puglia, Calabria, Napoli. Molte sono le versioni di questa canzone inserita nel repertorio di tutti i gruppi folkloristici siciliani e calabresi. Molti i cantanti che ne hanno fatto un inno alla Sicilia.
La versione cantata da Rosa Balistreri è inserita nel CD “Ci ragiono e canto” edito da Dario Fò.

Traduzione letterale del testo

Ballate,ballate
donne nubili e maritate,
e se non ballate bene
non vi canto e non vi suono.

Sciù,sciù,sciù
quante femmine che ci sono
sciù,sciù,sciù
quante femmine che ci sono.

Ce nè sono quattro ammaccate
le facciamo con i piselli,
ce nè sono quattro schiacciate
le facciamo con le patate.

Sciù,sciù,sciù
quante femmine che ci sono
sciù,sciù,sciu
quante femmine che ci sono

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Eventi in Sicilia