Nicuzza

Autore: (Franco Finestrella)
Testo: Nicuzza
Sutta la to finestra ci siminasti i sciuri
e dopu cincu misi garofani sbucciaru
su tutti bianchi e russi
comu la to facciuzza,
bedda tu si nicuzza comu li sciuri to
nicuzza duci,nicuzza bedda
dunami dunami na vasatedda
amuri miu,gioia di l’arma
ni lu me cori lu focu un carma
sugnu capaci pi ttia suffriri
siddu nu m’ami è megghiu muriri
siddu pi zitu tu scegli a mia
iu ti maritu quannu voi tu…
Fra tanti spasimanti sciglisti a mia pi zitu,
chi gioia ca mi dasti,
mi sentu to maritu
nicuzza ‘nzuccarata, dammi na vasatedda
gioia, quantu si bedda, l’amuri miu si tu!
nicuzza duci,nicuzza bedda
dunami dunami na vasatedda
amuri miu,gioia di l’arma
ni lu me cori lu focu un carma
sugnu capaci pi ttia suffriri
siddu nu m’ami è megghiu muriri
siddu pi zitu tu scegli a mia
iu ti maritu quannu voi tu.

versione cantata da Gian Campione.

versione cantata dai Tinturia.

versione cantata da Mara Eli.

Una delle più belle serenate siciliane ed una canzone tradizionale che, in pochi versi, esprime amore, passione, gioia e dolore verso la persona amata. Uno dei testi siciliani più esportati al mondo, soprattutto grazie al ricordo degli emigrati i quali portano con loro nei paesi che gli hanno accolti, i suoni e le musiche delle loro radici, della loro infanzia, dei loro amori, in un misto di nostalgia e sentimento che rende più forte il legame con la propria terra: l’amata Sicilia.L’autore di questa bellissima canzone, Franco Finistrella, la scrisse per la moglie Alfonsa Castelli, ed in pochi anni è diventata una delle serenate siciliane più ascoltate in tutto il mondo.

Traduzione letterale del testo

Sotto la tua finestra hai seminato fiori ;
e dopo cinque mesi garofani sbocciarono.
Son tutti bianchi e rossi come il tuo bel viso.
Bella tu sei “Nicuzza” come i fiori tuoi.

Bella dell’anima mia, la notte più non dormo; e passo tutte le notti fuori di casa mia.
L’amore mio è grande, più grande del mare.
Ti voglio sposare, non posso stare più.

Piccolina dolce!…
Piccolina bella!…
donami, donami un bacetto.
Amore mio!…
gioia dell’anima, del mio cuore
il fuoco calma.
Sono capace di soffrire per te.
Se tu non mi ami è meglio morire.
Se per fidanzato tu scegli me, io ti marito (sposo) quando vuoi tu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Eventi in Sicilia