Chiesa Madonna della Provvidenza

La chiesa sorge nell’ampio largo pianeggiante a valle della popolatissima via Manzoni, nel punto dove viene a formarsi la piazza don Luigi Guanella, fiancheggiata ad oriente dallo stadio comunale. Nello spazio del sagrato è stato collocato, a sinistra dell’ingresso, un busto bronzeo raffigurante don Guanella su piedistallo, opera di L. Reina di Santo Stefano di Quisquina (AG).

Il busto, posto nel 1993, è stato benedetto da san Giovanni Paolo II, in occasione della sua visita ad Agrigento. L’interno della chiesa è ad unica navata e nella parete frontale dell’area presbiterale domina, in mosaico, una vasta Crocifissione, mentre l’altare in marmo completa lo spazio centrale del presbiterio.

Lo spazio interno dell’aula liturgica è scandito dal ritmo dei pilastri e dalle travi della struttura dell’edificio, realizzati in conglomerato

cementizio armato, e le travi disposte in modo inclinato sostengono l’orditura della copertura a capanna. Vicino l’ingresso, nella parete nord, si apre una cappella contenente la statua della Madonna della Provvidenza. La pavimentazione è in marmo bianco tranne una striscia nella parte centrale realizzata con marmo rosso.

Le aperture interne alla chiesa sono realizzate con vetrate istoriate raffiguranti le varie fasi della predicazione evangelica. La facciata, dalle linee geometriche semplici e minimaliste, presenta un rivestimento in mattoni e nell’asse centrale vi è collocato il portale d’ingresso e nella parte superiore una vetrata istoriata. Nella parte nord nel 1983 fu realizzato il campanile, molto articolato, ricco di scansioni volumetriche, ma non del tutto rispondente allo stile della chiesa.

I festeggiamenti in onore della Madonna Beata Maria Vergine della Divina Provvidenza ad Agrigento si svolgono nel mese di maggio.

 


Particolari costruttivi e planimetrici

Impianto Planimetrico: La chiesa ad unica navata è posta in modo parallelo alla fine della via Manzoni, ed insieme al complesso parrocchiale, diventa un nodo principale di strade, raggruppando la via Petrarca il viadotto Akragas e la stessa via Manzoni.
Pianta:  Il perimetro della chiesa disegna una pianta rettangolare, mentre la zona presbiterale è racchiusa da una forma trapezoidale ed è sollevata rispetto all’aula liturgica.
Interno:  L’interno della chiesa è ad unica navata e nella parete frontale dell’area presbiterale domina, in mosaico, una vasta Crocifissione, mentre l’altare in marmo completa lo spazio centrale del presbiterio. Lo spazio interno dell’aula liturgica è scandito dal ritmo dei pilastri e dalle travi della struttura dell’edificio, realizzati in conglomerato cementizio armato, e le travi disposte in modo inclinato sostengono l’orditura della copertura a capanna. Vicino l’ingresso, nella parete nord, si apre una cappella contenente la statua della Madonna della Provvidenza. Nella parte alta, tra la scansione ritmica dei pilastri, si aprono delle finestre chiuse con vetrate istoriate, raffiguranti le varie fasi della predicazione evangelica. Altre raffigurazione in mosaico sono collocate nelle pareti limitrofe al presbiterio.
Impianto strutturale:  La struttura intelaiata è composta da pilastri e travi in conglomerato cementizio armato, e le travi disposte in modo inclinato sostengono l’orditura della copertura a capanna.
Pavimenti e pavimentazioni:  La pavimentazione è in marmo bianco tranne una striscia nella parte centrale realizzata con marmo rosso.
Elementi decorativi:  Nella parete frontale dell’area presbiterale domina, in mosaico, una vasta Crocifissione, in cui primeggia Cristo crocifisso, attorniato dalla Vergine, San Giovanni Evangelista e la Maddalena. Un altro mosaico, posto sulla parete nord, raffigura il Beato Luigi Guanella. Nella cappella vicino l’ingresso, sempre sulla parete nord, è collocata la statua della Madonna della Provvidenza, opera del laboratorio di arte sacra di Giuseppe Runggaldier di Ortisei (Bolzano). Frontalmente alla cappella tra lo spazio di due pilastri, prende posto un imponente Crocifisso del XVIII secolo. Quest’ultimo proviene dalla chiesa di San Nicola di Naro.
Prospetto principale:  La facciata, dalle linee geometriche semplici e minimaliste, presenta un rivestimento in mattoni e nell’asse centrale vi è collocato il portale d’ingresso e nella parte superiore una vetrata istoriata. Tra il portale e la vetrata spicca il mosaico raffigurante il busto della Madonna della Provvidenza, a cui è dedicata la chiesa, attorniata da una famiglia di fedeli che a lei ricorrono ed la invocano.
Campanile: Nella parete nord e complanare alla facciata principale, nel 1983 fu realizzato il campanile, molto articolato, ricco di scansioni volumetriche, ma non del tutto rispondente allo stile della chiesa.

Fonte: wikipedia – www.chiesacattolica.it


Galleria fotografica:

 


Foto e cartoline storiche:

 

 

 


Localizzazione della Chiesa Madonna della Provvidenza:

Info e contatti:

VIA MANZONI 158, Agrigento
Tel. 092226794 – Email
Orari delle SS.Messe
AgrigentoDoc consiglia:

Video tratti da youtube:
FESTA MADONNA DIVINA PROVVIDENZA ALL’OPERA DON GUANELLA DI AGRIGENTO

AgrigentoInformazione.it



Hai del materiale utile da pubblicare sull’argomento? Foto, video, articoli originali, pubblicazioni non soggette a diritti d’autore

Inviali alla redazione del sito ai fini della pubblicazione. Saremo lieti di inserire il materiale inviato se ritenuto conforme alle finalità del sito e ne citeremo la fonte. La collaborazione fornita e l’utilizzo del materiale inviato sono da intendersi a titolo esclusivamente gratuito e senza scopo di lucro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Eventi in Sicilia