Sicilia bedda

Autore: (Gaetano Emanuel Calì)
Testo: Sicilia bedda
Di Mungibeddu tutti figghi semu
terra di focu, di canti e d’amuri
st’aranci sulu nui li pussidemu
e la Sicilia nostra si fà onuriE di luntanu venunu li furasteri a massa
dicennu la Sicilia chi ciauru ca fà
tonchi, tichiti tonchiti, tonchi tonchi tonchiti
tonchi, tichiti, tonchiti la la la la la laL’oduri di la zagara si senti
e riturnau la bedda primavera
rosi sbucciati, lu suli cucenti
Sicilia bedda tu si ‘na ciureraChi ciauru, chi ciauru di balucu e di rosi
evviva la Sicilia e l’abitanti sò
tonchi, tichiti tonchiti, tonchi tonchi tonchiti
tonchi, tichiti, tonchiti la la la la la la.

Sicilia bedda! : Versi di Sebastiano Grasso – Catania – Firenze (anno 1929)

Gaetano Emanuel Calì (Catania, 17 giugno 1885 – Siracusa, 1º maggio 1936) è stato un compositore, direttore d’orchestra e direttore di banda italiano.

Traduzione letterale del testo

Di Mungibeddu tutti figli siamo
terra di fuoco, di canti e d’amore
queste arance solo noi le possediamo
e la Sicilia nostra si fa onore

E da lontano vengono i forestieri in massa
dicendo la Sicilia che odore che fà
tonchi, tichiti tonchiti, tonchi tonchi tonchiti
tonchi, tichiti, tonchiti la la la la la la

l’odore della zagara si sente
e ritornata la bella primavera
rose sbocciate, il sole cocente
Sicilia bella tu sei una fiorera

Che odore, che odore di violaccio e di rose
evviva la Sicilia e gli abitanti suoi
tonchi, tichiti tonchiti, tonchi tonchi tonchiti
tonchi, tichiti, tonchiti la la la la la la

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Eventi in Sicilia